SIAMO TUTTI MECENATI

All’origine di ogni avventura culturale e artistica c’è la passione: quella dei creatori e artisti, e quella essenziale di coloro che stimolano e sostengono con entusiasmo il loro percorso. Attraverso questa generosità e questa energia vitale la Fondazione per i Beni e le Attività Culturali e Artistiche della Chiesa si impegna a mantenere il ruolo attivo della Chiesa cattolica da sempre promotore di nuove forme d’arte che hanno ispirato l’uomo nei secoli. L’arte, la cultura e la musica come espressione di eccellenza e innovazione, diversità e integrazione.

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Sostieni la Fondazione o uno dei nostri progetti in particolare con una libera donazione al numero IBAN
IT09D0572803211688571217741
[ Banca Popolare di Vicenza – Filiale Roma N.10 ]

ARTE E CULTURA

Da sempre la Chiesa cattolica ha commissionato, promosso, conservato e proposto nuove forme di linguaggio, per parlare con i fedeli e spiegare l’inspiegabile. La Fondazione sente l’esigenza di non interrompere questa comunicazione, mantenendo la Chiesa nel ruolo di mecenate culturale attraverso la presenza alla Biennale dell’arte contemporanea di Venezia, commissionando nuove opere e sostenendo giovani talenti in tutto il mondo.

MUSICA

La tradizione musicale della Chiesa costituisce un patrimonio di inestimabile valore, la Fondazione si impegna a valorizzare e promuovere questa forma d’arte che arriva a toccare gli aspetti più profondi della spiritualità attraverso concerti, nuove composizioni e ricerca musicale.

PATROCINI

La Fondazione accompagna le iniziative meritevoli sostenendole con la propria partecipazione. Il sostegno di carattere non economico si manifesta attraverso la presenza del logo sul materiale dell’iniziativa e l’ospitalità sulla pagina dedicata ai patrocini della Fondazione.

INIZIATIVE SPECIALI

Si tratta di progetti che non rientrano completamente nella Mission della Fondazione, ma che per motivi particolari risultano interessanti nel loro complesso. Iniziative sociali, educative e umanitarie che a volte la Fondazione sente l’urgenza di portare avanti.